Mio fratello rincorre i dinosauri

Mio fratello rincorre i dinosauri

Venerdì 15 e Sabato 16 Novembre

ore 21.15

Jack ha sempre desiderato un fratello maschio con cui giocare e quando nasce Gio, i suoi genitori gli raccontano che suo fratello è un bambino “speciale”. Da quel momento, nel suo immaginario, Gio diventa un supereroe, dotato di poteri incredibili, come un personaggio dei fumetti. Con il passare del tempo Jack scopre che in realtà il fratellino ha la sindrome di Down e per lui diventa un segreto da non svelare. Quando Jack arriva al liceo e si innamora di Arianna, decide di nascondere alla ragazza e ai nuovi amici l’esistenza del fratello. Ma non si può pretendere di essere amati nascondendo una parte così importante di sé. La verità verrà presto a galla e alla fine Jack riuscirà a farsi travolgere dall’energia e dalla vitalità di Gio, che grazie al suo originale punto di vista riuscirà a trasformare il mondo, proprio come un supereroe.

PRESENTAZIONE DEL FILM

È molto difficile trattare una storia così delicata senza cadere negli stereotipi e nei luoghi comuni; ed è ancora più difficile farlo quando il libro da cui la storia è tratta è stato un caso editoriale, un vero e proprio best seller, la cui attrattività è cresciuta grazie alla giovane età del suo autore. Tutto nasce quando il diciannovenne Giacomo Mazzariol pubblica un video su Youtube per la giornata mondiale delle persone con Sindrome di Down, “The simple interview” il cui protagonista era proprio il fratello Giovanni: in poco tempo, il video ha ricevuto un enorme successo e la storia di Giacomo e Giò ha cominciato a correre in rete. Naturale quindi che una storia così normale eppure così potente venisse trasposta sul grande schermo, narrata attraverso gli occhi dell’adolescenza, in un periodo in cui naturalmente si fanno un sacco di cose stupide ma in cui i filtri culturali sono ancora poco potenti e i giudizi sono più netti ma spesso più veri. E proprio per la paura dei giudizi e delle apparenze, Giacomo passa attraverso la negazione di quel fratello un po’ speciale fino a raggiungere una nuova consapevolezza della sua famiglia, ma soprattutto di se stesso; in tal modo capisce che con lui c’è un supereroe che lo aiuta a trasformare il punto di vista sulle cose, quelle banali e quelle più importanti.

Ispirato alle commedie americane indipendenti, a dispetto di qualche ingenuità stilistica, il film sta avendo molto successo e ne è stata richiesta la proiezione privata in molte scuole, segno che riesce a parlare più al cuore che alla testa, grazie anche alla costante consulenza che la vera famiglia Mazzariol ha prestato durante le riprese, vivendo molto sul set, tutti, compreso Giovanni. 

A cura di Ileana